Attenzione: Javascript è disabilitato nel browser che si sta usando. Potrebbe non essere possibile rispondere a tutte le domande dell'indagine. Verificare le impostazioni del browser.

PA motore della ripresa: quali azioni per un'amministrazione competente, semplice, smart e digitale

Un'indagine di FPA

La pubblica amministrazione dovrà svolgere un ruolo centrale nella ripresa del paese: saranno proprio le nostre amministrazioni il motore che permetterà di realizzare i progetti del PNRR. Le Linee programmatiche presentate dal Ministro Renato Brunetta mettono in evidenza alcuni grandi temi su cui investire e lavorare: Accesso (un cambio di approccio nel reclutamento delle nuove leve); Buona Amministrazione (semplificazione); Capitale Umano (Competenze e Formazione); Digitalizzazione. Con il nostro PanelPA chiediamo la vostra opinione su questi temi, rispetto a stato dell’arte e prospettive per i prossimi anni 

È possibile rispondere al PanelPA entro il 7 maggio 2021.

Per completare il questionario, è necessario rispondere a tutte le domande. Il questionario è anonimo.

ANAGRAFICA
(Questa domanda è obbligatoria)
Età
(Questa domanda è obbligatoria)
Genere
(Questa domanda è obbligatoria)
Titolo di studio
(Questa domanda è obbligatoria)
Condizione professionale
(Questa domanda è obbligatoria)
Inquadramento professionale
(Questa domanda è obbligatoria)
Ruolo all'interno della sua organizzazione
(Questa domanda è obbligatoria)
Settore di lavoro
(Questa domanda è obbligatoria)
Che tipo di PA?
ACCESSO
(Questa domanda è obbligatoria)

1. Le linee programmatiche del nuovo Ministro per la PA hanno posto al centro un cambio di approccio nel reclutamento delle nuove leve. Dal suo punto di vista, quanto i diversi cambiamenti prospettati possono incidere sul miglioramento delle politiche di assunzione delle pubbliche amministrazioni?

Esprimere un valore compreso tra 1 e 5 (dove 1 è “molto poco” e 5 è “moltissimo”)

digitalizzare le procedure concorsuali
favorire una maggiore osmosi tra pubblico e privato, attraverso modelli di mobilità innovativi
rivedere drasticamente le procedure concorsuali, orientando maggiormente le prove alla verifica di competenze trasversali
ridefinire le procedure per l’individuazione dei fabbisogni di personale
sviluppare, in collaborazione con il mondo accademico, percorsi ad hoc destinati a favorire l’accesso di giovani talenti neolaureati o in possesso di titoli post accademici (es. dottorati)
definire nuovi meccanismi incentivanti all’esodo di persone vicine all’età pensionabile e con professionalità non adeguate
(Questa domanda è obbligatoria)

2. Nell’ottica dell’inserimento di personale in possesso di nuove competenze, di quali profili professionali ha più bisogno oggi la PA per rispondere alle sfide future, a partire da quelle inerenti all’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR)?

Selezionare al massimo 3 risposte

(Questa domanda è obbligatoria)
3. In base alla sua esperienza, qual è la principale criticità che un neo-assunto può incontrare oggi, alla luce della particolare situazione legata all’emergenza Covid?
BUONA AMMINISTRAZIONE
(Questa domanda è obbligatoria)

4. Il Decreto-legge “Semplificazioni” (DL 76/2020) ha introdotto importanti innovazioni normative su diversi aspetti dell’attività amministrativa. Dopo quasi 7 mesi dalla conversione in legge del decreto, qual è il giudizio complessivo sulle seguenti novità introdotte, in termini di effetti prodotti?

Semplificazione del procedimento amministrativo
Standardizzazione della modulistica per istanze, dichiarazioni e segnalazioni
Modifiche in materia di contratti pubblici
Nuova regolamentazione del reato di abuso d’ufficio
Nuova disciplina della responsabilità dirigenziale
Disposizioni in materia edilizia
Disposizioni in materia di ambiente (es. procedura di Valutazione di impatto ambientale)
CAPITALE UMANO - competenze e formazione
(Questa domanda è obbligatoria)

5. Secondo lei, rispetto al lavoro che svolge quotidianamente, le sue competenze sono:

(Questa domanda è obbligatoria)
6. Nell’ultimo anno, ha usufruito di attività formative organizzate dalla sua organizzazione?
(Questa domanda è obbligatoria)
6.1 Su quali contenuti/materie?
(Questa domanda è obbligatoria)
7. Si occupa (anche) da solo della sua formazione/aggiornamento?
(Questa domanda è obbligatoria)
7.1 In che modo provvede al suo autoapprendimento?
(Questa domanda è obbligatoria)
8. Rispetto alle competenze che aveva all’avvio del suo attuale lavoro, le sembra che le sue competenze siano:
(Questa domanda è obbligatoria)

9. In base alla sua esperienza, su quali delle seguenti aree di competenza reputa prioritario formare chi lavora nel pubblico:

Selezionare al massimo 3 risposte

CAPITALE UMANO - organizzazione del lavoro
(Questa domanda è obbligatoria)
10. Dal suo punto di vista, quanto è cambiata la sua organizzazione nell’ultimo anno rispetto ai seguenti elementi necessari ad abilitare uno smart working “a regime”?
ripensamento dei processi di lavoro
definizione più puntuale di obiettivi e risultati individuali
formazione specifica sull’utilizzo di strumenti tecnologici e di comunicazione
fiducia da parte dell’ente e dei suoi vertici
collaborazione tra colleghi
disponibilità di strumenti tecnologici adeguati
comunicazione interna
(Questa domanda è obbligatoria)
11. Il ricorso in emergenza al lavoro da remoto ha fatto emergere alcune criticità. Quali tra i seguenti aspetti evidenziati dalla nostra ricerca dello scorso anno rappresentano ancora oggi un problema rilevante per lo svolgimento del proprio lavoro?
DIGITALIZZAZIONE
(Questa domanda è obbligatoria)

12. Il 28 febbraio 2021 rappresentava il termine ultimo entro il quale le PA italiane avrebbero dovuto integrare i propri sistemi con SPID, CIE, PagoPA e appIO. Molte amministrazioni non sono riuscite a rispettare questa scadenza. Quali sono, secondo lei, le principali ragioni?

Selezionare al massimo 3 risposte

(Questa domanda è obbligatoria)

13. Secondo lei, quali tra le seguenti azioni, rappresentano le priorità su cui agire per accelerare i processi di innovazione, semplificazione e trasformazione digitale nella PA?

Selezionare al massimo 3 risposte

(Questa domanda è obbligatoria)
14. La pandemia ha rappresentato un acceleratore di molti processi di innovazione avviati nel corso degli ultimi anni. Rispetto ai grandi pilastri della trasformazione digitale della PA individuati dal Piano triennale di AgID, ritiene che la sua amministrazione sia:
servizi digitali per cittadini e imprese
razionalizzazione delle infrastrutture tecnologiche e migrazione in cloud
valorizzazione patrimonio informativo pubblico (open data)
integrazione dei sistemi con le piattaforme abilitanti
sicurezza informatica
interoperabilità di dati e applicazioni